Presentazione della nostra filiera: il legame con l'allevamento di bovini da latte

Nella sua forma professionale, il settore dei vitelli esiste dagli anni sessanta del secolo scorso ed ha avuto origine a partire dagli allevamenti di bovini da latte.


Dopo la Seconda Guerra Mondiale, l'Europa non voleva più soffrire la fame; la politica agricola europea si indirizzò verso una economia di scala. Fino ad allora i contadini gestivano aziende che producevano un po' di tutto. Avevano alcune mucche, alcuni maiali, un po' di grano, un orto. Tuttavia, nel settore alimentare, si stava assistendo ad un intenso processo di espansione. Con la crescita della popolazione nel dopoguerra, la richiesta di cibo aumentò considerevolmente. Gli allevamenti di animali si espansero e gli allevatori iniziarono a specializzarsi; le fabbriche lattiero-casearie si ingrandirono e la domanda dei consumatori aumentò. 

Dove di sono mucche da latte ci sono anche vitelli. Questo perché una mucca produce latte solo se è stata gravida. L'allevatore tiene una parte dei vitelli nati per espandere la propria azienda e sostituire i propri bovini da latte. Gli altri vitelli sono destinati agli allevamenti di vitelli, dove vengono portati quando hanno almeno 14 giorni, Si tratta soprattutto dei vitelli maschi. Presso gli allevamenti, i vitelli vengono stabulati in gruppi in un ambiente confortevole. Quindi, la nascita dei vitelli è strettamente legata al consumo di latte, burro e formaggio. 



  • This site uses cookies
  • Hide this notification